Page Index Toggle Pages: 1 [2]  Send Topic Send Topic Print Print
Hot Topic (More than 10 Replies) COME SETTARE IL PROPRIO CONTRABBASSO (Read 24959 times)
vitoliuzzi
Ex Member
*****



Gender: Male
Re: COME SETTARE IL PROPRIO CONTRABBASSO
Reply #20 - 17.10.2004 at 14:33:11
Print Post Print Post  
DISTANZA CORDE ed ALTEZZA

Potrebbe essere un altro tema di discussione. In parte ne abbiamo parlato, ma potrebbe essere interessante capire, sfruttando le esperienze di tutti, quali sono i criteri che ognuno segue nel decidere la distanza delle corde non solo al ponticello ma anche, e soprattutto, al capotasto. Soprattutto sarebbe simpatico analizzare le differenze fra un contrabbasso classico ed uno jazz. Visto che sono io che ho preso l' iniziativa, vorrei indicare un piccolo trucchetto, definiamolo così, per capire, specie nei contrabbassi di fabbrica sui 700/800 euro (ma non solo), se le corde sono sistemate bene in relazione alla corretta inclinazione del manico. Mi spiego meglio. Dalla mia esperienza, non solo di insegnante, ho potuto notare che alcuni problemi di tendinite (ne potremmo parlare in un Post creato su misura) sono dovuti in larga parte ad una scorretta sistemazione delle corde che risultano troppo alte nella parte centrale del manico. Cosa voglio dire. Quando acquistate uno strumento, fate ben attenzione a questo accorgimento, che sicuramente molti conoscono.
A prescindere dall' altezza delle corde, tenete premuto il Re vuoto a fine tastiera; occorre notare lo spazio d' aria che si crea fra la corda e la tastiera a metà circa del manico. Ecco, questo spazio deve risultare quanto più esiguo possibile, ripeto, a corda ben premuta a fine tastiera. Perchè? Per il semplice motivo che se l' altezza a mezza tastiera è molto alta, o ben evidente, vuol dire che il manico, o la lavorazione della tastiera, non è stato incollato all' angolazione ideale per quello strumento.
E' un accorgimento questo molto rilevante poichè, se questo spazio d' aria che rimane fra corda e tastiera è accentuato, anche abbassando di molto l' altezza delle corde "totali" al ponticello, sarà sempre molto difficile avere una tastiera "morbida" (che diventa tale solo con lo studio costante e con esercizi di tecnica specifici !!!). Lo sforzo delle dita sarà sempre eccessivo e, specie se si comincia a suonare senza un graduale riscaldamento, alla fine si potrebbe andare incontro a problematiche legate ai tendini. Oltre al fatto che molte esecuzioni di passaggi in posizione su due o tre corde, ad una certa velocità e di un certo virtuosismo tecnico, potranno risultare inaccessibili, o quanto meno sempre "sporchi", cioè privi della dovuta pulizia sonora che poi ci permette di essere apprezzati per la capacità di far sentire tutte le note anche in questi passi di un certo spessore musicale. Chi ha questo tipo di problema, tende a diteggiare sempre utilizzando molti spostamenti, quando si potrebbe suonare benissimo in posizione. E' un piccolo accorgimento, ne sono consapevole, ma a mio avviso di fondamentale importanza. Infatti anche uno strumento di fabbrica o di poco pregio, non solo nel classico ma anche nel jazz, se risulta ben costruito almeno sotto questo aspetto, può dare le belle soddisfazioni. In attesa di trovare uno strumento con una risposta più pronta ed un suono più pastoso e ricco di armonici. Ma attenzione: anche strumenti di fabbrica antica o di una certa liuteria, potrebbero presentare tale problematica. Controllare non fa mai male!!! E poi, detto fra noi, riuscire ad avere un manico (o tastiera) morbido e "ben reattivo" è il sogno un pò di tutti. Ma a volte si corre il rischio di abbassare troppo le corde (es.: la prima anche a tre millimetri), facendo diventare un contrabbasso più una friggitrice che uno strumento dalla bellezza sonora che, per fortuna, oggi viene rivalutata.

Alla prossima

Vito Liuzzi
  
vito liuzzi
Back to top
 
IP Logged
 
MrPC
Senior Member
****
Offline



Posts: 291
Joined: 23.12.2003
Gender: Male
Re: COME SETTARE IL PROPRIO CONTRABBASSO
Reply #21 - 18.10.2004 at 07:45:57
Print Post Print Post  
Concordo Vito, ti ricordi di un post sulla curvatura longitudinale della tastiera?
Sul mio contrabbasso principale, schiacciando il re a fondo tastiera rimane un minimo di aria tra corda e tastiera, ed infatti ha una belle playability.
Sul muletto invece si nota molta più aria ed anche la playability diventa meno soddisfacente.
  
Back to top
 
IP Logged
 
andrea
Senior Member
****
Offline


W il contrabbasso!

Posts: 436
Location: bergamo
Joined: 20.10.2004
Gender: Male
Re: COME SETTARE IL PROPRIO CONTRABBASSO
Reply #22 - 20.10.2004 at 11:09:52
Print Post Print Post  
ciao a tutti, sono nuovo del forum. suono (male) il contrabbasso da qualche anno, pizzicato, ma ora vorrei ricominciare con l'archetto.
ho fatto la prova dell'altezza corde sul mio fabbricone, e di aria ci saranno 3 o 4 millimetri al massimo.
e' tanto? va bene?
se e' tanto si puo' fare qualcosa, anche considerando che la mia tastiera e' veramente molto spessa?
grazie a tutti.
ciao
andrea
  
Back to top
IP Logged
 
vitoliuzzi
Ex Member
*****



Gender: Male
Re: COME SETTARE IL PROPRIO CONTRABBASSO
Reply #23 - 20.10.2004 at 12:21:20
Print Post Print Post  
Ciao Andrea e benvenuto in questo "girone dantesco" (ma non mi chiedere quale!).
A mio avviso, quei 3/4 millimetri di aria che rimangono a corda pigiata sono a dir poco irrilevanti. Quindi dovrebbe andar' bene così come sta. Se la tastiera è in ebano, non ti preoccupare se le dimensioni sono notevoli. In questo modo un liutaio potrebbe sempre intervenire per settarla nel modo migliore. Al massimo, è il problema contrario che solitamente crea mille difficoltà quando si vuole rimodellare la tastiera. 

Ancora un benvenuto.

Vito

p.s.: ovviamente mi fa piacere che tu voglia riprendere a studiare con l' arco Wink! Ma abbi molta pazienza! Questo strano attrezzo ha bisogno di molta pratica prima di poter divenire il prolungamento naturale del tuo braccio.
In bocca al lupo!
  
vito liuzzi
Back to top
 
IP Logged
 
andrea
Senior Member
****
Offline


W il contrabbasso!

Posts: 436
Location: bergamo
Joined: 20.10.2004
Gender: Male
Re: COME SETTARE IL PROPRIO CONTRABBASSO
Reply #24 - 20.10.2004 at 12:28:27
Print Post Print Post  
grazie mille! so perfettamente cosa vuol dire tirare l'arco: ho fatto 2 anni di conservatorio, mollato a malincuore per problemi di tempo...non ne avevo abbastanza per studiare ai livelli richiesti, purtroppo.
ora, dopo anni che non toccavo piu' l'arco, ho la "necessita'" di usarlo con il trio in cui suono. giusto 2 colpi e note lunghe. ma usarlo mi ha fatto tornare la voglia!
  
Back to top
IP Logged
 
Page Index Toggle Pages: 1 [2] 
Send Topic Send Topic Print Print