Benvenuto, Visitatore. Prego Connettiti
  News:
  HomeHelpCercaLogin
 
Pagine: 1 2 3 
ENRICO FRANCIONI New CD "Segni del Tempo" (Letto 51798 volte)
vitoliuzzi
Ex Utente




ENRICO FRANCIONI New CD "Segni del Tempo"
13.09.2007 alle 12:31:33
 
Si segnala la recentissima (quanto attesa) uscita delCD di musica contemporanea:
"Segni del tempo"musiche di Enrico Francioni

Purtroppo non sono riuscito a trovare una foto da mettere in questo post del Cd che ne indicasse soprattutto i titoli.

Invito il maestro Francioni a dirci qualcosa, se gli va, in merito a questo suo Cd, dove è possibile reperirlo e cose del genere.

Da quanto ne so
l'album comprende 10 brani e coinvolge i seguenti interpreti:
arpa, P. Carciani
violino, P. Farinacci
contrabbasso, E. Francioni
flauto, F. Manna
chitarra, A. Vianello
viola, A. Zangheri
violoncello, G.Zoffoli


Dati tecnici sul compact-disc:
anno realizzazione: settembre 2007
registrazione: Classic Studio
sigla catalogo: EF07001
produzione e distribuzione: Enrico Francioni
informazioni:�francioni61021@libero.it

Enrico Francioni
http://www.vitaminic.it/artist/enrifran/

Grazie in anticipo Maestro se vorrà parlarci di questa Sua Creazione.

Saluti

Vito Liuzzi



Vai all’inizio pagina
 
« Ultima Modifica: 20.09.2007 alle 19:52:13 da vitoliuzzi »  
  IP Loggato
Enrico Francioni
Full Member
***
Offline

"L'arte inizia
dove la natura cessa
d'agire..."

Messaggi: 141

Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni nel Tempo"
Risposta #1 - 20.09.2007 alle 11:39:01
 
Ciao Vito,
ciao a tutti gli amici del forum.

Allego alcune informazioni sul mio CD "Segni del tempo".

La cover:



...una mia introduzione:
…Spiegare in poche righe perché questo lavoro, è un’impresa assai ardua per me che non sono uno scrittore: ci proverò.
Debbo riconoscere che per me, fin dai primi approcci con la musica, l’atto creativo ha avuto sempre la precedenza. Per me esso era ed è sempre rimasto, sempre implicito nel momento in cui m’accostavo alla pratica sonora, al momento esecutivo-interpretativo.
Un ricordo ancora vivo infatti è di quando ancora bambino (quasi dieci anni) amavo stare anche per un’ora a suonare creando il suono ed improvvisando su quella sesta corda (in metallo), il Mi grave, di quella chitarra, da solo la sera quasi al buio seduto sulle scale di casa, perché era in quel luogo (nella tromba delle scale dove la risonanza era più sensibile) che il suono mi piaceva di più… con le sue risonanze misteriose, esso mi incuteva soggezione e m’impauriva quasi, con la sua gravità e arricchito di quei tanti suoni strani e nascosti che non mi spiegavo e che anche tutt’ora stento a capire e considero come una delle cose che in fondo di più m’attirano alla musica, insieme a ciò che rimane nella risonanza del suono e che non è mai il silenzio (al quale non credo) e del quale sono perfino terrorizzato al fatto di pensarlo possibile.
Ebbene quel senso di mistero credo sia rimasto nel mio modo di pensare il suono, la musica, l’approccio al timbro.
…E poi la conferma delle mia intuizioni: l’incontro col mio Maestro (l’unico!). Il fatto che fosse possibile pensare la musica anche in modi difformi dal convenzionale mi incoraggiava nella mia ricerca, privata, privatissima, intima e ci tengo a dire molto personale; orgogliosa di rimanere nascosta, tanto da essere indotto a pensare a questo lavoro, il CD, come ad un atto (importante per me) ma anche altrettanto violento che va in qualche modo contro la mia poetica musicale.
Non credo alle scuole di composizione! Sono (comunque) limiti al nostro pensiero che invece ha bisogno di libertà, di ampi spazi, ha bisogno di poter vagare nell’infinito fino a perdersi e poi ritrovarsi e poi a tradirsi per poi forse di riconfermarsi… Credo di più ad un “amore a prima vista” con l’esperienza sonora… che ti conquista e ti rende suo schiavo.
Sono convinto che tutto ciò che è seguito alle esperienze giovanili sia stato nel mio caso la naturale conseguenza, un percorso obbligatorio in cui avrei dovuto passare e col quale prima o poi fare i conti.
Questo cd riassume quindici anni di lavoro. Un periodo tutto sommato poco produttivo (quasi avaro di pezzi), ma sicuramente intenso, motivato…


...l'elenco dei brani contenuti ed organici:
Flabrum (1980), per flauto
Impulsi (1980), per contrabbasso
Record'en flans (1982), per flauto e contrabbasso
Contr'tast (1983), per violino solo
Cluster (1983), versione per ottavino, flauto, flauto in sol e contrabbasso
Ricercare (1986), per contrabbasso solo
Trio (1988), per viola, violoncello e contrabbasso
I segni del tempo (1990), per contrabbasso e arpa
Cinque piccoli pezzi (1991), per chitarra
Zauberspiegel (1992), per contrabbasso

...ed un frammento del commento del critico Alessandro Zignani:

TRA LE ROVINE DELLA MEMORIA

E’ la solita lotta tra spazio e tempo, che permea di sé l’intera storia della civiltà umana. Da una parte, un principio dissipatore, ‘narrativo’, che funziona per giustapposizione; dall’altra, il tentativo della mente di ridurre a normativa, a gerarchia orizzontale di segni, le confuse voci che la natura manda a noi. Il contrappunto musicale vive di questa contraddizione fin dai tempi dei Fiamminghi, con le loro note nere ad indicare la notte e le loro scale ascensionali ad indicare il ritorno dell’anima a Dio (elemento ‘narrativo’, spaziale) ed, allo stesso tempo, il loro costruire la musica per aggregazioni tonali: nuclei di energia capaci di conchiudere nel loro orizzonte le tensioni sonore allo stesso modo in cui le stelle aggregano intorno a sé le masse dei pianeti.
La musica di Enrico Francioni vive di questo equilibrio, e nel riassumere al proprio interno la natura di questa dialettica trova la propria ragione di essere. Francioni è contrabbassista: dunque, la sua visione della musica nasce dal profondo della materia, e vede nei suoni soprattutto le loro potenzialità germinative: i flussi sotterranei di idee che possono sia venire inespresse, sia rimanere larvali. Ecco perché la musica di Francioni si potrebbe definire un insieme di ‘studi genetici’: cartoni preparatori dai quali siano stati tolti i punti di vista, cosicché lo sguardo ne percorre le linee senza più alcun criterio ordinatore. Per Francioni, la musica ha il privilegio di poter dimenticare l’uomo; farne un semplice elemento di raccordo tra suono e memoria. Infatti, le sue composizioni sono quasi tutte ricorsive, come se un immaginario specchio ne ripartisse la struttura in due sezioni, la seconda delle quali, a ritroso, riflette il proprio cammino tematico nella prima. Sottile, sornione, con quella sorta di understatement ironico che lo contraddistingue anche come persona, Francioni intende, in questa maniera, introdurre nella sua musica il problema della coscienza. La coscienza, per lui, esiste solo dopo la sensazione; è una risposta fittizia al problema che l’Io si fa allorché la memoria lo interroga sulla sua sostanza, che è semplicemente un’impostura nata dalla continuità dei r
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
vitoliuzzi
Ex Utente




Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni nel Tempo"
Risposta #2 - 20.09.2007 alle 11:57:45
 
Ciao Enrico.
Solo per farti osservare che purtroppo la foto del cover non è uscita (almeno a me non si vede).
A me hano consigliato di usare:

http://imageshack.us/

Sembra che funzioni bene e sia semplice da utilizzare. E poi il discorso critico è venuto tagliato. Un vero peccato perchè molto interessante.Probabilmente hai fatto un Copia/incolla ma non hai considerato che più di tot caratteri la pagina non li supporta.

Grazie per queste ulteriori spiegazioni, soprattutto le tue riflessioni personali!

A presto

Vito
Vai all’inizio pagina
 
 
  IP Loggato
dinibass
Global Moderator
*****
Offline

visitate
www.siltarecords.it

Messaggi: 1304
VA
Sesso: male
Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni nel Tempo"
Risposta #3 - 20.09.2007 alle 12:36:16
 
Confermo quanto scritto da Vito, questo lavoro pare davvero molto interessante!

Spero di riuscire a leggere il resto del testo quanto prima!

saluti
giorgio
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
Enrico Francioni
Full Member
***
Offline

"L'arte inizia
dove la natura cessa
d'agire..."

Messaggi: 141

Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni nel Tempo"
Risposta #4 - 20.09.2007 alle 16:57:50
 
Ciao a tutti.

Vorrei precisare che il titolo esatto del CD è: SEGNI DEL TEMPO.
Per l'immagine della cover ho provato a caricare files di vario tipo .jpeg .tiff ed altri formati ma invano!
Vorrei capire che cosa bisogna scaricare sul link http://imageshack.us/ ...un editor o cos'altro ?

Per il resto della critica di Zignani, ..beh compratevi il CD...
No.. scherzo eccola qua - spero ci stia tutta... (a parte gli scherzi però per avere il CD a soli € 12,00 e leggersi anche tutte le presentazioni ai brani proposti, scrivere a francioni61021@libero.it - in contrassegno o con bonifico):

"...La coscienza, per lui, esiste solo dopo la sensazione; è una risposta fittizia al problema che l’Io si fa allorché la memoria lo interroga sulla sua sostanza, che è semplicemente un’impostura nata dalla continuità dei ricordi. Al di là di ogni sensazione, esiste l’idea? Nella musica di Francioni, l’idea portante compare sempre alla fine, dopo che il percorso del brano, con la sua contrapposizione “umana troppo umana” tra lucidità analitica e sentimento, ha compiuto il proprio periplo intorno alla linea fondamentale del basso. In questo senso, la musica di Francioni è un tributo al Romanticismo, pervasa, com’è, di quello “sguardo all’indietro” che compare, significativamente, ad epigrafe nel bel mezzo della Sonata n.3 per pianoforte di Brahms: l’altro modello cui Francioni, insieme ai contrappuntisti fiamminghi, sembra richiamarsi. E’ un gioco di echi: ogni tema richiama nella mente del compositore, che è anche il primo ascoltatore, il ricordo di altri temi; la simbiosi di questo personale teatro interiore con la realtà fisica dell’evento sonoro crea quelle derivate, quelle rotte occidue, che sono l’anima dell’arte. Il secondo intento ‘poetico’ che la musica di Francioni si propone, dopo la combinazione di prospettiva ‘orizzontale’ e ‘verticale’, è, infatti, la simbiosi tra ‘suono di natura’ e ‘suono di memoria’. Ed ecco un terzo modello: Mahler, che, nelle prime battute della sua Prima Sinfonia, prescrive che gli armonici dei violini risuonino “wie ein Naturlaut”, “come un suono di natura”. Alla fine di ogni civiltà, la natura viene a far parte del codice privato, intimo, di ogni artista.
Il Terzo millennio si sta aprendo con un’impressionante effusione di nostalgia della natura, quasi fossimo certi di avere superato il punto del non-ritorno. Per Francioni, il ritorno alla natura è un ritorno alla fisiologia degli strumenti. Esistono compositori per i quali gli strumenti musicali sono soltanto ‘occasioni di suono’, a prescindere dalle loro caratteristiche ‘anatomiche’: Beethoven, il quale, al violinista Schuppanzig, che lamentava l’ineseguibilità di certi passaggi, nella Grande Fuga, rispose “che vuole che me ne importi, del suo violino?”, ne rappresenta l’esempio più evidente. Altri compositori fanno ‘affluire’ i suoni dall’anima segreta dello strumento, quasi i suoni vi fossero già insiti, e l’orecchio del compositore avesse il mero compito di estrarli fuori. Quando Debussy, in Syrinx, racconta l’origine dei suoni attraverso un lungo assolo del flauto, dà voce all’anima del più antico degli strumenti con un tema le cui caratteristiche paiono germinate dalla sua stessa ‘fisiologia’ metallica. In quanto contrabbassista, Francioni ha l’attitudine ad ascoltare la personalità degli strumenti; ne deriva, alla sua musica, una qualità lirica insita tra le pieghe della narrazione, quasi il tema fosse una colonna di fuoco capace di vaporizzare l’aria fino alle regioni estreme, dove, vibrante, si dischiude uno scintillio di armonici che l’orecchio umano non può percepire, ma nel quale sta l’origine di tutto. Francioni è uno dei pochi compositori oggi esistenti capaci di rappresentare in suoni la memoria senza svilirne il carattere metafisico attraverso lo stratagemma dell’evocazione sentimentale. Per lui, esiste solo la memoria delle cose, che, in quanto sensazione del tempo, se risolta dalla musica in forme compiute, può redimerci dall’alienazione in cui la nostra coscienza ci costringe. Tra lo spazio ed il tempo della musica, dunque, tra orizzontale e verticale, Francioni sceglie una terza prospettiva: il prisma. Tutto è già avvenuto; noi dobbiamo soltanto inventariarne le rovine e sistemarle secondo le linee di forza del domani. In questo senso, la musica di Francioni ha un ulteriore modello - questa volta, letterario - in quella “poesia delle rovine” che ha trovato in Eliot e Pound i suoi rappresentanti. Come Phlebas il Fenicio, il marinaio “morto per acqua” celebrato da Eliot, Francioni vive la musica come sospensione liquida, camera della memoria entro cui gli echi giocano a rimescolarsi in ogni direzione, secondo le pulsioni incontrollabili della materia, senza che la coscienza, in questo, debba avere parte alcuna. Smemoramento, perdita dell’Io, riconquista del Sé: siamo in pieno buddismo Zen: una dimensione spirituale ben nota a chi, come Francioni, quando compone, abbia l’abitudine di perdersi nella natura. Per rinunciare fino a questo punto agli errori dell’umanesimo, col loro carico di veleni ed ipoteche sul futuro, ci vuole, al tempo stesso, coraggio ed un senso di inveterato ottimismo verso la bellezza, la bontà insita nella materia, qualora se ne rispetti il suo semplice giustapporsi, succedere per derivazioni indefettibili, ma che, da noi, non possono quasi venire avvertite.
Non fosse altro, per come ci insegna a raggiungere questo stato di nuova attenzione alle cose, la musica di Francioni merita di v
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
Enrico Francioni
Full Member
***
Offline

"L'arte inizia
dove la natura cessa
d'agire..."

Messaggi: 141

Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni DEL Tempo"
Risposta #5 - 20.09.2007 alle 16:59:32
 
(finale critica di Zignani):

"...Non fosse altro, per come ci insegna a raggiungere questo stato di nuova attenzione alle cose, la musica di Francioni merita di venire salutata con l’entusiasmo che merita tutto ciò che apre nuove frontiere".


Alessandro Zignani


ef
Occhiolino
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
vitoliuzzi
Ex Utente




Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni nel Tempo"
Risposta #6 - 20.09.2007 alle 19:48:06
 
Grazie Maestro!!!

Vitus

p.s.:dimenticavo! Se la foto del Cd è caricata nel tuo PC nelle estensioni permesse, clicca su SFOGLIA e cercala. Dopo averla trovata la carichi e clicchi su HOST IT. Ti compariranno varie stringhe. Io di solito scelgo la seconda stringa (il secondo rigo, insomma o come cavolo si chiama). Copi la seconda URL dall' inizio alla fine e la INCOLLI nel post del Forum. Poi invia il messaggio regolarmente. Dovrebbe uscire l' immagine in piccolo e poi in grande se ci clicchi sopra. AIUTOoooo... che schifo di spiegazione!
Vai all’inizio pagina
 
 
  IP Loggato
Enrico Francioni
Full Member
***
Offline

"L'arte inizia
dove la natura cessa
d'agire..."

Messaggi: 141

Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni del Tempo"
Risposta #7 - 21.09.2007 alle 07:48:39
 
...qui ci dovrebbe essere l'immagine della mia cover:



...se non appare la spiegazione di Vito evidentemente non è stata efficace...
...al contrario grazie M° Vito Liuzzi !

Ciao!

ef


ps
il pulsante inserisci immagine come funziona, o non funziona ?
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
vitoliuzzi
Ex Utente




Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni del Tempo"
Risposta #8 - 23.09.2007 alle 12:21:39
 
Enrico Francioni ha scritto il 21.09.2007 alle 07:48:39:
...qui ci dovrebbe essere l'immagine della mia cover:

http://img237.imageshack.us/img237/513/immagine1yb6.th.png

...se non appare la spiegazione di Vito evidentemente non è stata efficace...
...al contrario grazie M° Vito Liuzzi !

Ciao!

ef


ps
il pulsante inserisci immagine come funziona, o non funziona ?


Ohhhh.... finalmente!
Enrico non mi chiedere se quel pulsante funziona ...  imbarazzato
A proposito, e lo chiedo agli esperti informatici del Forum (... Antonio, nostro Administrator, ci puoi spiegare come funziona il pulsante Inserisci Immagine? Spero che tu sia "in linea" e chiarire questa dubbio amletico!) potete effettivamente spiegare come funziona questo "terzo pulsante"? Serve necessariamente una URL o qualcosa di simile? Grazie in anticipo!

VitC

pps: Paola o Emi, battete un colpo!

ppps: a parte gli scherzi, complimenti vivissimi e serissimi Enrico per questa tua realizzazione discografica. Forse non tutti gli amici (e nemici !!) di questo Forum sono al corrente del fatto che tu sia un compositore VERO oltre che eccellente contrabbassista ... e chissà quante altre cose di cui non sono a conoscenza. Del resto la cosa molto interessante, a mio giudizio, di questo tuo lavoro è proprio l' aver pensato a delle composizioni che non riguardassero solo il contrabbasso "in sè per sè", ma anche il contrabbasso inserito all' interno di formazioni con strumenti diversi. Lo so, è una considerazione scontata. Però sai molte volte i CD di contrabbasso sono di una noia mortale  indeciso ! Sentire sempre il pachiderma per 60/70 minuti continuati è un autentico pericolo per la sicurezza del nostro udito. Nel caso del tuo Cd non credo ci sia questo problema, vista la varietà dei contenuti.

OT

pppps: ho letto l'incredibile lavoro "SUITE I" del MAESTRO GRILLO, edito niente poco di meno che dalla SCHOTT Edition. Ma è una composizione troppo complessa per le mie scarse doti contrabbassistiche ... figuriamoci poi se trattasi di musica contemporanea. E' veramente una composizione che non è alla portata di tutti. Però, non vorrei sbagliare, ma ci dovrebbe essere una tua registrazione da qualche parte, visto che mi pare che tu sia stato il primo ad eseguirla appunto in prima assoluta. E' possibile ascoltarne anche una parte sul Net o da qualche altra parte? Saluti.
Vai all’inizio pagina
 
 
  IP Loggato
Enrico Francioni
Full Member
***
Offline

"L'arte inizia
dove la natura cessa
d'agire..."

Messaggi: 141

Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni del Tempo"
Risposta #9 - 23.09.2007 alle 20:40:38
 
Grazie Vito!
Troppo buono!

Vorrei sottolineare che il successo del mio CD è anche (e giustamente) legato alla grande professionalità ed alla musicalità degli interpreti che ci hanno lavorato... oltre all'eterogeneità, oltre che all'originalità, della proposta.

Ancora grazie.

Ciao a tutti !  Sorridente

ef

 Occhiolino

ps
...in attesa delle news sul pulsante... bye, bye!
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
Enrico Francioni
Full Member
***
Offline

"L'arte inizia
dove la natura cessa
d'agire..."

Messaggi: 141

Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni del Tempo"
Risposta #10 - 28.09.2007 alle 13:19:04
 


...mi chiedono se il CD "Segni del tempo" (grazie per la correzione del titolo sul forum, Vito) sia stato autoprodotto:
ebbene si, il CD e' stato autoprodotto dal sottoscritto e (per ora) anche distribuito dal sottoscritto.

ciao,

ef
Divertito
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
dinibass
Global Moderator
*****
Offline

visitate
www.siltarecords.it

Messaggi: 1304
VA
Sesso: male
Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni del Tempo"
Risposta #11 - 02.10.2007 alle 08:06:09
 
Mi sono (legalmente!) procurato questo bellissimo CD, ecco le mie impressioni.

Innanzitutto una nota di merito per quanto riguarda i testi del booklet, dove si trovano interessanti spiegazioni relative ai brani. Altrettanta qualità troviamo nel suono, tutti gli strumenti sono ottimamente registrati con buona naturalezza e i riverberi conferiscono un'ampiezza molto realistica all'ambiente che gli speakers ricostruiscono.
Se proprio devo fare un appunto, l'impostazione grafica non è all'altezza del tutto - ma è una personalissima opinione che chiunque può confutare (e non mi offenderò!).

Non intendo scrivere un saggio critico - non ne sarei all'altezza! - ma solo le mie impressioni dopo un ascolto attento (a cui dovranno seguire altri ascolti per completare bene il giudizio, ma io ho voglia di scrivere adesso....).
La scrittura, il suono e le performance di tutti i musicisti sono caratterizzate da grande cura, equilibrio e spontaneità. Quest'ultimo elemento non è facile da trovare in dischi di questo genere, l'approccio compositivo viene spiegato nelle note e personalmente apprezzo questa voglia di libertà che nel risultato finale dà certamente qualcosa in più.

Se posso permettermi, la composizione Trio (per viola, violoncello e cb) è l'unica che non mi ha entusiasmato, ma più per gusto personale che per altro; ammetto che in questo periodo ho nelle orecchie molta musica da camera, tipo i quartetti di Bartok, Webern, Debussy - quindi sono un po' troppo influenzato da questi suoni e mi riprometto di riascoltare Trio a mente più fresca, tra qualche tempo.

Il brano "Cinque piccoli pezzi", per chitarra sola, ha il titolo sbagliato: dovrebbe chiamarsi: " cinque piccoli gioielli"!! Battute a parte, sono composizioni di assoluto valore, piene di delicatezza, e danno - come dire - una sensazione di 'senso compiuto', nel senso che sviluppano una racconto musicale denso di emozioni.
Flabrum, per flauto solo, che apre il cd non può non ricordare alla celebre Sequenza di Berio - o la mia osservazione è un po' scontata? Beh, comunque il brano non lo è affatto, ascoltatelo e non potrete non essere daccordo!

I brani per contrabbasso solo sono geniali; Ricercare è dedicato al M° Grillo e quest'intenzione è azzaccatissima, si ritrovano esattamente le ricerche sonore del grande maestro (io lo ritengo tale e credo di non sbagliare nel mio piccolo). In particolare, la perizia tecnica del M° Francioni è sorprendente (non esagero) su Zauberspiegel.

I duetti flauto+cb e arpa+cb ci consegnano una grande musica, è quello che mi piace trovare quando ascolto una composizione moderna, anche qui rischio di ripetermi elencando equilibrio sonoro (non solo musicale) e capacità di meravigliare l'ascoltatore portandolo su percorsi impensati.

Ho accennato alla perizia tecnica - trattandosi di un cd di contrabbassista siamo particolarmemte interessati a questo. Beh, che dire: c'è solo da imparare, ascoltare un cd come questo aiuta ad aprire la mente e stimola a sperimentare soluzioni tecniche ardite.

Infine, un'ultima considerazione: è una vergogna che un'opera come questa non sia prodotta da etichetta in grado di distribuire a dovere questa musica. Ho fatto la stessa osservazione ascoltando Mantram di Stefano Sciascia (opera molto diversa da questa, ma anche altamente intrigante); provocazione: questo avviene perchè il mercato poco recepisce questo genere di musica, oppure il mercato recepisce poco perchè la distribuzione (quella di un certo livello) non se ne occupa?

Complimenti vivissimi.

Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
vitoliuzzi
Ex Utente




Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni del Tempo"
Risposta #12 - 02.10.2007 alle 10:25:32
 
Molta bella questa tua recensione o come la vuoi definire.
Estremamente chiarificatrice con una grande verità nel finale.
Come mai un talento come Enrico Francioni deve auto-prodursi un lavoro così ben fatto?
Ogni risposta non è vana.

Grazie Giorgione, come al solito impeccabile.

VL
Vai all’inizio pagina
 
 
  IP Loggato
dinibass
Global Moderator
*****
Offline

visitate
www.siltarecords.it

Messaggi: 1304
VA
Sesso: male
Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni del Tempo"
Risposta #13 - 02.10.2007 alle 12:47:04
 
Grazie Vito,

ERRATA CORRIGE:
ho citato l'Opera di S. Sciascia con titolo errato - è "Mantra 22:22" e non "Mantram" (quest'ultimo è un celebre brano di G. Scelsi).

Mi scuso per l'errore!

g
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
Enrico Francioni
Full Member
***
Offline

"L'arte inizia
dove la natura cessa
d'agire..."

Messaggi: 141

Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni del Tempo"
Risposta #14 - 02.10.2007 alle 16:24:42
 

...che dire...
sono lusingato, quasi commosso dalle impressioni a caldo, dopo l'ascolto del mio CD, del M° Dini; ancor di piu' quasi emozionato se penso che gran parte di questa musica, la mia, non era inizialmente scaturita con l'obiettivo principale e dalla volonta' di far piacere a qualcuno a tutti i costi, ...era stata una semplice mia necessita' di scrivere e poco piu'.
I vari lavori sono stati poi ...diciamo selezionati e cuciti cronologicamente all'interno del feticcio che ora e' disponibile a ...tutti (spero davvero anch'io in una distribuzione piu' capillare).

Credo che, ...si ...la " voglia di liberta' " (dopo essere anche vissuto per anni a contatto diretto con una certa poetica contemporanea) abbia animato la maggior parte delle mie pagine, questo assolutamente si !

Che dire... grazie al M° Giorgio Dini ! Troppo buono ??!

Se le puo' far piacere, le sue impressioni entreranno anche far parte, tra gli altri ricevuti, del Blog dedicato ai commenti sul CD "Segni del tempo" alla paginetta: http://www.vitaminic.it/artist/enrifran/

A presto !

ef
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
Enrico Francioni
Full Member
***
Offline

"L'arte inizia
dove la natura cessa
d'agire..."

Messaggi: 141

Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni del Tempo"
Risposta #15 - 03.10.2007 alle 13:29:23
 


...spero non si offenda Giorgio Dini se mi permetto anch'io di chiedere qualcosa in piu' sul lavoro di Kolox (il grafico)...
indeciso
Cosa intende esattamente quando dice "...Se proprio devo fare un appunto, l'impostazione grafica non è all'altezza del tutto - ma è una personalissima opinione che chiunque può confutare (e non mi offenderò!)" ?
Posso sapere inoltre, ma se non chiedo troppo, come avrebbe impostato la grafica di questo cd ?
Smilie

Grazie...
bye!
Occhiolino

ef
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
dinibass
Global Moderator
*****
Offline

visitate
www.siltarecords.it

Messaggi: 1304
VA
Sesso: male
Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni del Tempo"
Risposta #16 - 05.10.2007 alle 13:10:37
 
Chiedo scusa, mi era scappata questa parte...
Ma certo che non mi offendo, ci mancherebbe altro!

Allora cerco di esprimere meglio la mia opinione; premetto che andiamo sul campo del giudizio soggettivo, quindi tutto deve essere preso con le pinze, tuttavia cerco di fare delle considerazioni poco soggettive e il più possibile oggettive. Essendo personalmente impegnato nella gestione dell'etichetta Silta Records, qualche idea me la sono fatta.

La mia critica alla parte grafica in realtà non intende dire che non mi piace la copertina (ma è vero che non mi fa impazzire...), ma che non presenta il prodotto (brutto termine, lo so!) con l'immagine professionale che merita (o che necessita).
In pratica si percepisce che è fatto in maniera amatoriale (come approccio, anche se se ne è occupato un professionista).
Proviamo a immaginare questo CD in un catalogo di qualche etichetta: io credo che nella maggior parte dei casi si distinguerebbe per questa caratteristica un po' casalinga. La foto dell'autore è qualitativamente buona, ma starebbe meglio all'interno (esempio: all'ultima pagina del booklet, che si veda quando si apre la confezione) ma all'esterno servirebbe o qualcosa con più impatto, o con stile più particolare. Ripeto, opinione personalissima!

Sul retro, sembra molto un cd fatto sulla stampante di casa, senza offesa: il fondo bianco su carta non patinata no aiuta, qualcosa di sfumato era forse meglio su una stampa off-set.
Il fatto che manchi il codice a barre non credo incida granchè sull'effetto finale, anche se è vero che su cd da distribuire seriamente è necessario.

Ho espresso, ripeto un'opinione personalissima che cerca di andare oltre al 'mi piace / non mi piace'.
E ribadisco che la musica contenuta nel CD invece è di altissimo livello, denotando una professionalità degna di grandi etichette (che purtroppo snobbano facilmente questo genere!).

resto a disposizione per qualsiasi chiarimento o critica.

gd
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
Enrico Francioni
Full Member
***
Offline

"L'arte inizia
dove la natura cessa
d'agire..."

Messaggi: 141

Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni del Tempo"
Risposta #17 - 05.10.2007 alle 17:11:34
 


...grazie, ci servira' come prezioso consiglio da tener presente nella publicazione del prossimo album.
pianto

...per il momento cordialissimi saluti.

Smilie
ef
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
vitoliuzzi
Ex Utente




Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni del Tempo"
Risposta #18 - 05.10.2007 alle 17:25:36
 
Sai Giorgione, la foto in copertina è di un ragazzo che se lo può permettere di essere fotografato in quel modo ed in quella posa. Se lo avesse pubblicato, con o senza codice a sbarre (e mica stà in galera) avrebbe avuto più fans di Scamarcio.

Noi, diciamo la verità, non ce lo possiamo permettere. Quindi caro Enrico da critico internazionale quale sono (ho scritto un articolo di 82 pagine ... altro la che SUITE del maestro Grillo ... sul giornalino parrocchiano che ha avuto "successo" ... ecco l' ho detto dove ha avuto vabbeeèè) aborro ogni parola detta dal grande Dini (non il politico). A proposito di Giorgio ... mi collego ad un altro Topic.

No Signature (mi vergogno)
Vai all’inizio pagina
 
 
  IP Loggato
dinibass
Global Moderator
*****
Offline

visitate
www.siltarecords.it

Messaggi: 1304
VA
Sesso: male
Re: ENRICO FRANCIONI New CD "Segni del Tempo"
Risposta #19 - 05.10.2007 alle 19:02:18
 
vitoliuzzi ha scritto il 05.10.2007 alle 17:25:36:
Sai Giorgione, la foto in copertina è di un ragazzo che se lo può permettere di essere fotografato in quel modo ed in quella posa.


non posso mica darti torto.....  indeciso
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
Pagine: 1 2 3 

hosting by