Benvenuto, Visitatore. Prego Connettiti
  News:
  HomeHelpCercaLogin
 
Pagine: 1 2 
Le CORDE DI SCOTT LaFaro (ultimissime) (Letto 30697 volte)
Mauro_Gargano
Full Member
***
Offline

W questo FORUM!!!

Messaggi: 243
4 rue Jules Jouy 75018 Paris
Sesso: male
Re: Le CORDE DI SCOTT LaFaro (ultimissime)
Risposta #20 - 16.10.2005 alle 17:22:00
 
Ciao Stefano , sono d'accordo con te che un settaggio personalizzato risolve molte cose. Ho avuto la possibilità di incontrare a Parigi il liutaio che regola il basso a Grenadier , Colley , Johnson, Street. E mi ha spiegato che non esiste una regolazione universale ma varie , e tutte basate sul rapporto di "tensione- pressione" dell'insieme anima- corda sulla tavola armonica. Mi ha spiegato anche che le specifiche riguardanti la lunghezza dell'anima e la sua distanza dal piede dello strumento (in generale un pollice) dipendono dalle corde impiegate(!?). Tenendo presente che é chiaro che ogni musicista a parità di strumento avrà un suono diverso, dico però che alle volte non si può cavare "sangue da una rapa" quando lo strumento non ha lo specifico settaggio per soddisfare la personalità di un determinato musicista o di una maniera di suonare. Un saluto a tutti.                                                 Mauro
Vai all’inizio pagina
 
 
  IP Loggato
Stefano_Senni
YaBB Newbies
*
Offline

W questo FORUM!!!

Messaggi: 17

Re: Le CORDE DI SCOTT LaFaro (ultimissime)
Risposta #21 - 16.10.2005 alle 20:19:28
 
Ciao Mauro,

E' chiaro che il setup deve arrivare almeno a livelli di sufficienza, o meglio, di decenza ! Altrimenti possiamo avere in testa chissà quale suono ma il cb ci é nemico. Sono appena tornato da Barcellona dove, per questioni logistiche non ho potuto portare il mio cb...beh, ne ho trovato uno davvero indecente, con la tastiera a mò di montagne russe...soprassediamo...
Chi é il liutaio in questione? A Barcellona c'é in questi giorni un certo Bruno, francese ma che vive a NY, che sta facendo migliorie su un sacco di strumenti di contrabbassisti catalani. Purtroppo non ho avuto il tempo di incontrarlo.
Quello che dici é vero. La posizione dell'anima influisce parecchio sul suono dello strumento. Personalmente, non senza un certo rammarico, penso che in Italia, e qui la dico grossa, ci sia una certa "snobberia" da parte di liutai anche di gran nome nei confronti di un adeguato setup per il jazz. Spesso si assiste ad atteggiamenti "sbrigativi" o comunque generalizzanti, senza riscontrare la curiosità di veder gli effetti di un cambiamento di posizione o di lunghezza dell'anima, per esempio, o di un cambiamento nell'inclinazione del manico...In questo gli americani sono più forti di noi(e forse talvolta eccedono pure in pignolerie) perché cercano di codificare per quanto possibile "scientificamente" gli effetti acustici conseguenti a un qualsiasi intervento sul setup. Se dunque é vero che gli strumenti migliori vengono ancora costruiti qua, é anche vero che per la messa a punto gli amici d'oltreoceano ci battono alla grande...
Amici del forum, non me ne vogliate per la inevitabile generalizzazione, sono sicuro che esistono esempi illustri nel nostro paese che vanno in senso contrario, ma sono forse un pò pochini...
con affetto Stefano


Vai all’inizio pagina
 
 
  IP Loggato
dinibass
Global Moderator
*****
Offline

visitate
www.siltarecords.it

Messaggi: 1304
VA
Sesso: male
Re: Le CORDE DI SCOTT LaFaro (ultimissime)
Risposta #22 - 16.10.2005 alle 21:15:25
 
Le tue osservazioni sui liutai italiani sono secondo me corrette, ne è prova il fatto che ancora oggi molti di questi scoraggino (o rifiutino addirittura!) il montaggio di un ponticello regolabile.

Per fortuna ci sono delle buone eccezioni, io ne ho trovata una in Lombardia...

giorgio
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
Mauro_Gargano
Full Member
***
Offline

W questo FORUM!!!

Messaggi: 243
4 rue Jules Jouy 75018 Paris
Sesso: male
Re: Le CORDE DI SCOTT LaFaro (ultimissime)
Risposta #23 - 17.10.2005 alle 08:40:03
 
Un saluto a tutti e in particolare a Stefano per la sua risposta. Si chiama Bruno ed é francese il liutaio in questione. Viaggia in continuazione portandosi dietro ponticelli , anime, attaccacorde e tastiere. E' passato a Parigi il mese di Settembre e due miei amici si sono fatti regolare il basso pagando 1000 euro ciascuno. Devo dire che in Francia ci sono parecchi liutai che fanno regolazioni straordinarie per il jazz, ma che non arrivano ai livelli di questo qui. Un salutone a tutti.                                                                               Mauro
Vai all’inizio pagina
 
 
  IP Loggato
Amin
Junior Member
**
Offline

W questo FORUM!!!

Messaggi: 99
Ancona
Re: Le CORDE DI SCOTT LaFaro (ultimissime)
Risposta #24 - 17.10.2005 alle 10:55:52
 
1000 euro per il settaggio dello strumento...?

se non sono indiscreto vorrei sapere se ha dovuto fare interventi importanti o solo messe a punto...

1000euro per una semplice messa a punto  e' un prezzo non da tutti...

Vai all’inizio pagina
 
 
  IP Loggato
dinibass
Global Moderator
*****
Offline

visitate
www.siltarecords.it

Messaggi: 1304
VA
Sesso: male
Re: Le CORDE DI SCOTT LaFaro (ultimissime)
Risposta #25 - 17.10.2005 alle 17:11:27
 
Mi sembra fuori da ogni logica!
Tutto fuorchè onesto, anche se è la legge della domanda e dell'offerta, se qualcuno glieli dà.....

Io 1 anno fa faci fare una bella messa a punto del mio cb, ovvero: sostituzione ponte, rettifica tastiera, regolazione anima, sostituzione cordiera, verifica generale alla modica cifra di euro 120 circa (escluso i pezzi che ho comprato separatamente da Scaramelli).
Lavoro egregio, peraltro, eseguito con competenza.

g
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
Mauro_Gargano
Full Member
***
Offline

W questo FORUM!!!

Messaggi: 243
4 rue Jules Jouy 75018 Paris
Sesso: male
Re: Le CORDE DI SCOTT LaFaro (ultimissime)
Risposta #26 - 19.10.2005 alle 11:01:15
 
Ciao Giorgio, posso capire quello che pensi. 1000 euro per sostituire tastiera , ponticello,  anima sono troppi. Ma ti assicuro che la qualità si paga cara... Avere uno strumento sonoro , facile di emissione , e che non frusta manco suonandolo con i ditali di acciaio é un sogno che facilita la musica. I grandi contrabbassisti che ho nominato prima e che ci piacciono a tutti , non hanno solo un ottimo strumento ma anche un'ottima regolazione. Poi le dita fanno il resto... o non lo fanno.. Un salutone.                                      Mauro
Vai all’inizio pagina
 
 
  IP Loggato
dinibass
Global Moderator
*****
Offline

visitate
www.siltarecords.it

Messaggi: 1304
VA
Sesso: male
Re: Le CORDE DI SCOTT LaFaro (ultimissime)
Risposta #27 - 19.10.2005 alle 16:38:40
 
Calma, avevo capito che si trattava solo di una 'messa a punto', senza sostituzioni del genere.
Se sono compresi i materiali non è un prezzo così fuori dal mondo, una buona tastiera ed un buon ponte da soli costano dei soldi.

Caruccio forse sì, ma non disonesto come dicevo - questa me la rimangio!
ciao
g
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
Alessandro Capomassi
Senior Member
****
Offline



Messaggi: 281
Roma
Sesso: male
Re: Le CORDE DI SCOTT LaFaro (ultimissime)
Risposta #28 - 13.03.2006 alle 14:49:58
 
Ritiro su questo topic per chiedervi quali sono le corde "consigliate" per rimanere su un suono tipo LaFaro.
Vai all’inizio pagina
 
 
WWW alessandro.capomassi   IP Loggato
randoservice
God Member
*****
Offline

W questo FORUM!!!

Messaggi: 1088

Sesso: male
Re: Le CORDE DI SCOTT LaFaro (ultimissime)
Risposta #29 - 14.03.2006 alle 15:03:56
 
Gironzolando su internet mi sono imbattuto in L'Aquila corde, dalle caratteristiche mi sembra somiglino a queste americane che nominate Voi Grandi!! ne sapete qualcosa di questa ditta Italiana?
Ciao Giann
Vai all’inizio pagina
 
 
randoservice   IP Loggato
luca74
Junior Member
**
Offline

W questo FORUM!!!

Messaggi: 77

Re: Le CORDE DI SCOTT LaFaro (ultimissime)
Risposta #30 - 14.03.2006 alle 15:19:29
 
Personalmente, non senza un certo rammarico, penso che in Italia, e qui la dico grossa, ci sia una certa "snobberia" da parte di liutai anche di gran nome nei confronti di un adeguato setup per il jazz. Spesso si assiste ad atteggiamenti "sbrigativi" o comunque generalizzanti, senza riscontrare la curiosità di veder gli effetti
è vero molte volte capita di sentire "tanto per il jazz va bene" è indubbio che la mano e l' anima(non quella del ctb) contino molto ma un adeguato settaggio aiuta l' espressione...inviterei chi dice il contrario a non suonare con il proprio strumento!!! è chiaro che da qui a diventare tipi maniaci e mai soddisfatti del proprio strumento ce ne vuole!!
Vai all’inizio pagina
 
 
  IP Loggato
rino65
Full Member
***
Offline

Il Contrabbasso: un
amore lungo una vita
!

Messaggi: 113

Sesso: male
Re: Le CORDE DI SCOTT LaFaro (ultimissime)
Risposta #31 - 14.03.2006 alle 16:48:30
 
[quote author=randoservice  link=1122904340/15#29 date=1142345036]Gironzolando su internet mi sono imbattuto in L'Aquila corde, dalle caratteristiche mi sembra somiglino a queste americane che nominate Voi Grandi!! ne sapete qualcosa di questa ditta Italiana?
Ciao Giann [/quote]

Io so che è un'azienda artigianale, di vecchio stampo, che vende corde di budello per strumenti ad arco, su ordinazione con personalizzazione (spessori, lunghezza, colore, ecc.ecc.).
Soprattutto lavorano per strumenti barocchi, ma anche per corde di contrabbassi.
Informazione passatami da liutaio di Pescara.
Converrebbe chiamarli e chiedere.
Ciao.
Vai all’inizio pagina
 
 

THE BEST WAS SCOTT LAFARO
  IP Loggato
mimmo
YaBB Newbies
*
Offline

W questo FORUM!!!

Messaggi: 34
caldogno (Vicenza) Italy
Sesso: male
Re: Le CORDE DI SCOTT LaFaro (ultimissime)
Risposta #32 - 21.11.2021 alle 10:35:18
 
Ciao a tutti...
mi sono messo davvero di impegno (sono cordaio professionista ed ho una azienda a Caldogno. Vicenza): mi hanno spedito alcune vecche kaplan Golden Spiral poi da rendere e finalmente sono riuscito a clonarle. aggiungo alcune foto.

Con Stefano Senni intorno al 2006 si erano fatti degli esperimenti ma poi senza alcun seguito (avevo allora dei limiti tecnologici).

Queste corde che sono SOL e RE sono state fatte con granbde acuratezza. pensate che il filo di ricopertura è un filo piatto che mi sono dovuto fare da me. Ho due contrabbassisti statunitensi che me le proveranno per due mesi e poi ci penso sù sul da farsi.  Ho provato a fare anche una versione sintetica usando come anima una nuova bio plastica simile al budello scoperta qui in Italia... vedremo.

Un caro saluto Mimmo Peruffo  

acc.... come si fà ad aggiungere una foto? grazie



Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
mimmo
YaBB Newbies
*
Offline

W questo FORUM!!!

Messaggi: 34
caldogno (Vicenza) Italy
Sesso: male
Re: Le CORDE DI SCOTT LaFaro (ultimissime)
Risposta #33 - 04.12.2021 alle 12:44:17
 
Salve a tutti.
Ho finalmente realizzato la copia esatta delle Kaplan Golden Spiral. Non è stato molto facile, specialmente per il fatto che la copertura di Nylon non è a filo tondo ma a piattina che ho dovuto realizzare (identica all'originale)
Qui potete sentire il primo test.
Ringrazio Dino Contenti di Torino:

https://youtu.be/3q4jyyiH1uk

Vai all’inizio pagina
 
 
WWW   IP Loggato
Pagine: 1 2 

hosting by