Normal Topic metodi per contrabbasso (jazz, ma non solo) (Read 10244 times)
arcureo
YaBB Newbies
*
Offline



Posts: 2
Location: Padova
Joined: 13.05.2004
Gender: Male
metodi per contrabbasso (jazz, ma non solo)
13.05.2004 at 09:04:51
Print Post Print Post  
Aloha! Questo è il mio primo messaggio, per cui approfitto per salutare tutti!
E passo alla domandona... c'è qualcuno che sa indicarmi un buon metodo per contrabbasso, ma non proprio per principianti?
Vi spiego... io, per cominciare, circa quattro anni fa, sono stato a lezione dal buon Franco Testa (sempre miticooo) per impostare le mani e cominciare a darci dentro nelle prime posizioni. Poi dopo un annetto di studio sono stato chiamato in una swing band qui di PD coi quali ho fatto una cifra di concerti. Il bello è che mi ha "aperto" come non mai (non c'è nulla come suonare dal vivo in un gruppo già avviato... non ci sono lezioni che tengano...), però nello stesso tempo mi ha limitato per certe cose.
Vuoi perchè c'erano da imparare i pezzi, vuoi per lo stile un po' "retrò" (che non mi permetteva di sperimentare tecniche particolari tipo thumb position o comunque fraseggiare nei registri alti), e vuoi anche per il fatto che dovevo dedicare la mia attenzione alla performance, beh, non mi sono dedicato più allo studio fine a se stesso. Cioè, come dicevo prima, thumb position diteggiature particolari e via così.
Ora quella band è in pausa e se voglio essere spendibile, come contrabbassista jazz, devo ampliare il mio bagaglio tecnico.
Alcuni articoli di Bass Player mi sono stati molto utili, però delle volte mi capita di incartarmi... non so... faccio un esempio; sto ripassandomi una scala di Bb maggiore fin nelle più alte posizioni e magari tornando indietro mi capita di chiedermi "ma sarà una diteggiatura conveniente, quella che sto adottando o c'è di meglio?"
Già il contrabbasso è uno strumento molto fisico... non vorrei sprecare energie in posizioni "sbagliate" o poco efficaci, ecco.
Certo, basta provarle tutte, direte voi, però mi piacerebbe sapere se c'è qualche metodo che indica quelle "di base" o "più comuni", così almeno ce le ho come riferimento e poi posso cercare alternative con calma... almeno dal vivo o in jam ho dei capisaldi su cui appoggiarmi (tecnicamente parlando)
Poi direte anche "ma torna da Franco Testa, no?"
E io dirò si, ma preferirei tornare ad un livello un po' più robusto di conoscenze, in modo da poter fare delle lezioni più "toste".
Da quello che ho visto in giro i metodi più "succosi" sono quelli del grande vecchio Ray Brown, che parte dalle basi ma avanza con metodo (...appunto! Wink ) fino alle diteggiature più "estreme". Poi ho avuto notizia di quello di John Goldsby (che è più "storico", però, con l'analisi dello stile di diversi grandi contrabbassisti), e poi ho sentito parlare di un certo "school of agility" di Eugene Levinson.
Qualcuno li conosce e può dirmi come sono... o magari sa darmi indicazioni per altre pubblicazioni?
Thanks a lot!
A'
  
Back to top
 
IP Logged
 
MrPC
Senior Member
****
Offline



Posts: 291
Joined: 23.12.2003
Gender: Male
Re: metodi per contrabbasso (jazz, ma non solo)
Reply #1 - 13.05.2004 at 15:04:16
Print Post Print Post  
Era già stato aperto un topic con un titolo più o meno simile (si dedicava solo al jazz però).
Se torni indietro di qualche pagina sicuramente lo trovi.

Ciao e benvenuto
  
Back to top
 
IP Logged
 
vitoliuzzi
Ex Member
*****



Gender: Male
Re: metodi per contrabbasso (jazz, ma non solo)
Reply #2 - 13.05.2004 at 16:03:22
Print Post Print Post  
Si Arcureo, è proprio così.
Ricordo che se si da uno sguardo indietro agli argomenti precedenti, si possono sempre riportare in primo piano semplicemente scrivendoci dentro qualcosa. Automaticamente quell' argomento ritorna in "prima pagina". Poi se uno ne vuole creare un' altro a mo' di doppione, ben venga.
Ma molte volte credo  sia meglio controllare a ritroso.

Saluti
VL
  
vito liuzzi
Back to top
 
IP Logged
 
vitoliuzzi
Ex Member
*****



Gender: Male
Re: metodi per contrabbasso (jazz, ma non solo)
Reply #3 - 13.05.2004 at 18:07:34
Print Post Print Post  
http://www.bassplace.com/theory.html

Girando qua e là mi sono imbattuto in questo sito dove credo che i jazzisti possano trovare qualcosa di interessante. Di una cosa sono certo: il metodo di Eugene Levinson di quasi 350 pagina sembra essere molto usato negli States; diciamo che è tenuto in grande considerazione. Spero che questo sito sia abbastanza completo. Mi sto facendo una bella cultura.
Grazie ragazzi !!!
Vito Liuzzi
  
vito liuzzi
Back to top
 
IP Logged
 
arcureo
YaBB Newbies
*
Offline



Posts: 2
Location: Padova
Joined: 13.05.2004
Gender: Male
Re: metodi per contrabbasso (jazz, ma non solo)
Reply #4 - 14.05.2004 at 10:47:11
Print Post Print Post  
Ops! E si che avevo fatto una ricerca per vedere se c'erano stati altri topic simili! Si vede che non avrò inserito le parole chiave giuste! Tongue
Vabbè... da quel che vedo il Levinson è tenuto in grande considerazione... hmmm, se riesco a trovare qualcuno che ce l'ha e mi ci fa dare un'occhiata, bòn... sennò per comprarlo alla cieca bisognerà che aspetti 1) una condizione economica più consona e 2) di essermi svegliato con l'umore giusto Wink
Thanks a tutti!
  
Back to top
 
IP Logged
 
dinibass
Global Moderator
*****
Offline


visitate www.siltarecords.it

Posts: 1304
Location: VA
Joined: 30.12.2003
Gender: Male
Re: metodi per contrabbasso (jazz, ma non solo)
Reply #5 - 14.05.2004 at 16:17:07
Print Post Print Post  
segnalo "THE EVOLVING BASSIST" di Rufus Reid.
Esistono 2 volumi e mi risulta che adesso vendano il metodo + DVD - non ce l'ho ma sarebbe interessante.
Se qualcuno l'ha visto mi dica!

giorgio
  
Back to top
IP Logged
 
tramaker
Full Member
***
Offline


W questo FORUM!!!

Posts: 183
Joined: 25.05.2004
Re: metodi per contrabbasso (jazz, ma non solo)
Reply #6 - 28.05.2004 at 15:26:37
Print Post Print Post  
Io ho trovato utilissimo il "building a jazz bass line" di R.Carter (Bill lee series) è un libricino minimo ma con un sacco di "sugo" dentro!
Ho entrambi gli "Evolving bassist" di Reid, ma non mi hanno fatto fare i salti di gioia, soprattutto il secondo. P.S.
Io uso fare un gioco di questo tipo: prendo una roba del Simandl (un esercizio del volume I o II o i 24 studi) e la suono forzandomi di applicare la pronuncia jazz, prima il walking, come se fossero tutti quarti, poi le tipiche frasi ritmiche del bop.
ciao - trmk
  
Back to top
 
IP Logged
 
dinibass
Global Moderator
*****
Offline


visitate www.siltarecords.it

Posts: 1304
Location: VA
Joined: 30.12.2003
Gender: Male
Re: metodi per contrabbasso (jazz, ma non solo)
Reply #7 - 28.05.2004 at 15:33:14
Print Post Print Post  
Sono convinto che gli esercizi che uno si 'inventa' da solo sono utili almeno quanto quelli che si trovano sui metodi migliori! 
Specialmente se uno ha le idee chiare sull'obiettivo dell'esercizio (ovvero: cosa intende migliorare, mano dx, mano sn, articolazione, velocità di lettura, di esecuzione, padronanza del tempo, determinati passaggi di posizioni, etc).

Se ognuno di noi scrivesse un esercizio precisandone l'obiettivo, potremmo redarre un interessante metodo per contrabbasso!
  
Back to top
IP Logged